Disturbi dello sviluppo

E’ importante che un bambino impari ad interagire correttamente con il mondo che lo circonda e ad esprimere se stesso

Un lavoro svolto assieme ai genitori per migliorare l’interazione con il figlio, mettendo a fuoco le soluzioni ai diversi problemi.

Intervento di sostegno ai genitori di bambini con Disturbi di sviluppo

La premessa per questo lavoro è che i genitori uniti in coppia o separati possono e devono arrivare a lavorare insieme come genitori, acquisendo competenza nella cooperazione e condividendo le responsabilità, ovvero il ruolo e le funzioni genitoriali riguardo  i propri figli.

Cosa propongo ai genitori in questo caso?

  • Osservo il livello delle interazioni tra il figlio/a e i genitori.
  • Propongo dei giochi e brevi interviste per procedere al processo di valutazione del problema del bambino.
  • Permetto ai genitori di cogliere gli schemi  interattivi problematici.
  • Evidenzio le risorse degli adulti in famiglia.
  • Favorisco la definizione di obiettivi per il recupero della serenità del figlio.

Il lavoro con i genitori focalizzato sull’interazione con il bambino, si propone di:

  • Aumentare la loro sensibilità rispetto ai segnali del figlio.
  • Aiutarli a riconoscere aspetti positivi nelle interazioni con il figlio.
  • Aiutarli a cogliere l’efficacia dei loro comportamenti parentali.
  • Promuovere lo scambio comunicativo/affettivo necessario allo sviluppo equilibrato del bambino.

Tanti scenari

I disturbi generalizzati dello sviluppo rappresentano una classe di disturbi, biologicamente determinati, con esordio prima dei 3 anni, caratterizzati da anomalie dell’interazione sociale, compromissione della comunicazione verbale e repertorio limitato di interessi e attività. Questi disturbi comprendono diverse categorie diagnostiche come il disturbo autistico, il disturbo di Rett, o disturbo autistico non altrimenti specificato.

Altri disturbi dello sviluppo si possono invece formare con il passare del tempo e la crescita del bambino/a per un’interazione disfunzionale con l’mbiente circostante. Ecco che i  rinforzi dei comportamenti e l’accettazione di atteggiamenti poco appropriati da parte degli adulti di riferimento portano il bambino ad avere un contatto con il mondo negativo e poco utile. Meglio intervenire al più presto prima che i comporamenti diventino troppo rigidi e limitanti per il bambino.