Cosa penso

Da anni mi impegno ad aprire in primis la mia mente a ricerche e tecniche sempre nuove, coltivando da un lato il versante delle neuroscienze e dall’altro il piano della psicoterapia fino alla spiritualità.

Non posso smettere di pensare che in ogni individuo esistono facoltà latenti attraverso le quali ogni essere umano può giungere ad una vita piena e appagante.

 

Giuliana Gellini

Faccio la psicologa e la psicoterapeuta emotiva.

Metto a disposizione la mia specializzazione in psicologia, psicoterapia e sociologia a persone, coppie e famiglie, con problemi momentanei o persistenti.

Sostengo le persone per il ritrovamento del proprio equilibrio emotivo e per la creazione di relazioni nutrienti con se stessi e con gli altri.  

Spesso infatti  dis-regolazioni del sistema nervoso, date da ferite passate o delusioni del presente, ci rendono la vita difficile.

Supporto i genitori nelle riparazioni affettive ed emotive con i propri figli per permettere ai bambini, a ragazzi e a giovani di portare a termine senza troppi inciampi il proprio sviluppo e diventare esseri umani in grado di stare armonicamente al mondo.

Oggi, là dove le ricerche delle neuroscienze, gli studi della psicologia evolutiva e la Psico-neuro-endocrino-immunologia dimostrano in maniera sempre più stringente il profondo intreccio esistente tra la mente e il corpo, mi impegno in relazioni di aiuto o consulenza, con nuove forme di psicoterapia basata sulle emozioni e sull’unità psico-soma.

Un approccio eclettico e sistemico per una terapia sempre più su misura, per la persona o le persone che si hanno di fronte.

i miei Credo

Dare significato alla nostra vita è più importante di qualsiasi altro bisogno.

Nessuno viene al mondo per contemplare la propria perfezione. Ci si arriva con un obiettivo molto più serio: evolvere.  Non dare retta a chi tesse l’elogio delle vite pianeggianti.
Le salite sono solo trampolini.

I nostri veri bisogni non sono quelli indotti dalla società, ma quelli di affetto, di amore, di relazioni armoniche, di appartenenza e di dare significato alla vita.

Credo ancora calzante il mito della caverna di Platone: gli schiavi fissano le ombre proiettate su una parte della caverna e le prendono per vere,
finché uno di loro non spezza le catene e  vede la realtà.

La riscossa di ogni uomo comincia dalla rottura di ogni condizionamento  e dal cambiamento del suo punto di vista, ossia dall’indebolimento degli schemi mentali automatici e difensivi.

Intraprendendo  un percorso con un bravo specialista in psicoterapia, nel peggiore dei casi potrai rendere più bella la tua “cella”, nel migliore potrai uscirne.

È importante assumere dosi giornaliere di leggerezza (quest’ultima non è sinonimo di superficialità).

Z

Progetti educativi